Cerca

"Oggi Genova è un simbolo per l'Italia"

“Oggi Genova sta vivendo una trasformazione che combatte il male del nostro tempo, che è il male dell’Italia, che è il male dell’Europa, che è il male di tutto l’occidente di tutto il mondo, che è la frammentazione la disgregazione di un epoca, quella alle nostre spalle, in cui abbiamo pensato che ciascuno potesse semplicemente andare per i fatti suoi.” “Noi abbiamo alle spalle una stagione dell’incuria. Ci siamo disabituati a prendere cura, di noi, di quello che sta intorno, della comunità e del nostro futuro. E da questo punto di vista quello che sta succedendo a Genova è un po il simbolo dell’Italia perché qui si sono concentrando in maniera drammatica una serie di questioni che tutto il paese ha... e le parole nuove sono la parola resilienza, la radice etimologica è quella del rimbalzo e il rimbalzo ha che fare con il ballare e tripudiare, ha che fare con la capacità di fronte ad un problema, ad una difficoltà, ad un trauma, di trovare energie spirituali, energie psichiche individuali o collettive per trasformare quel problema in una risorsa, di ricomposizione , di unità di intenti e di una direzione comune. Questo processo che è accelerato da quello che sta capitando alla città e la questione più generale che dal 2008 tutte le società stanno affrontando Siamo vissuti in un fase storico in cui tutto si espandeva e tutto si slegava e siamo entrati in una stagione in cui invece il tema è come ci rimettiamo insieme, se siamo capaci di farlo, per che cosa e in vista di quale obiettivo...cito sempre questa formula di Michael Porter che da qualche anno sta lavora sul tema dello “shared value”. Michel Porter dice da qualche anno che “ Per ricostruire il nostro futuro per superare questa frammentazione che produce l’incuria e genera tutta una serie di problemi sociali che abbiamo dobbiamo tornare a imparare a metterci insieme, che significa avere la capacità di individuare delle priorità e ciascuno portando il suo contributo, andare insieme per raggiungere quelle priorità che riconosciamo di tutti. “

“Chiudo con un'ultima immagine visto che prima si è parlato della parola simbolo. Simbolo è l’opposto di diavolo. Diaballo e simballo sono le matrici di queste due parole. Il diaballo, che poi nella bibbia diventa diavolo, è colui che divide. Il simbolo deriva da simballo e invece ciò che tiene insieme le diversità e le ricompone. Oggi per superare questa iper frammentazione, questa inconsistenza dentro cui rischiamo di finire abbiamo sempre più bisogno di simboli e da questo punto di vista sappiate che voi genovesi siete un simbolo per l’Italia”

Mauro Magatti docente di sociologia generale Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano



11 visualizzazioni

CONTATTI

INDIRIZZO UFFICIO

sede di Genova

via Fieschi 15, 16121 Genova

CONTATTACI

+39 392 789 2952

MODULO

SOSTIENICI

© 2023 by BRW BAR inc. Proudly created with Wix.com

  • Black Facebook Icon
  • Nero Twitter Icon
  • Black Instagram Icon